2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
2016                            

"Circolano tante falsità sulla Riforma!"

Indubbiamente le parole si prestano a essere male interpretate, quindi speriamo veramente, come docenti di scuola elementare, di aver sbagliato a intendere. Inoltre, molte/i di noi vorrebbero tranquillizzare il ministero (che lo sta mettendo in dubbio pubblicamente) sulla nostra disponibilità al cambiamento: finora è stata totale! (Vogliamo soltanto capire che cosa cambierà e cosa resterà: di primo acchito sembra che per la prima volta nella nostra storia di maestre/i elementari nulla cambierà, almeno così abbiamo capito dalla trasmissione di Dom&Nika del 17 febbraio 2002! Allora quale Riforma?!)

D'altra parte, come si può capire tutto al volo, quando dallo stesso ministero sono stati apportati molteplici cambiamenti in corso d'opera ai vari documenti diffusi: Bertagna1, Bertagna 2., articolato finale, ecc.?

E' facile prendere fischi per fiaschi, su questo non c'è dubbio. Allora siccome anche noi, come il ministero, teniamo molto alla scuola in cui lavoriamo da tanti tanti anni, chiediamo alcune cose a cui si dovrebbe poter rispondere con un sì o con un no per facilitare l'interpretazione a tutti (chi sa, per favore risponda, così ci calmeremo e proseguiremo tranquille/i):

 

1) Ci sarà parità assoluta fra le/gli insegnanti operanti sulle classi in termini di retribuzioni e di "peso" professionale?

2) Il tempo pieno resterà così come è strutturato adesso: 40 ore (per le/gli alunne/i) tra mense e materie affidate a due docenti (più l'insegnante specialista di lingua2, in assenza di insegnante specializzata)?

3) Le due insegnanti del T.P. saranno titolari di cattedra come adesso e svolgeranno tutte le materie in proprio con la piena corresponsabilità sulle/sugli alunne/i?

5) Il modulo (tre insegnanti su due classi) è previsto anche con la titolarità alla pari delle/degli insegnanti suddivisi per ambiti disciplinari?

6) Sarà lasciata libertà alle scuole autonome di decidere sui modelli di modulo da adottare: insegnante prevalente o parità assoluta di orario su due classi?

7) Le materie come ed. musicale, ed. all'immagine, ed. motoria, saranno come adesso all'interno dell'orario di classe, mattino o pomeriggio indifferentemente, a seconda delle programmazioni dei team e delle esigenze trasversali alle materie?

8) Gli insegnamenti suddetti saranno prestati, come adesso, dalle/dagli stesse/i maestre/i che insegnano italiano, matematica e scienze, storia, geografia e studi sociali?

9) Le/i bambine/i di due anni e mezzo potranno iscriversi alla scuola dell'infanzia?
(Se sì, da quando?)

10) Le bambine/i di cinque anni e mezzo potranno iscriversi alla scuola elementare?
(Se sì, da quando?)

Nel caso si pensasse a innalzare la qualità veramente, lo si farà chiedendo soltanto la collaborazione e l'impegno alle/ai docenti, oppure spendendo anche fior di quattrini?! Esempio:

 

11) Verranno costruite palestre?

12) Verranno costruiti spazi per il teatro?

13) Verranno rinnovate le dotazioni tecnologiche (non si parla soltanto di computer) e librarie?

14) Diminuiranno le/gli alunne/i per classe (nel senso non di rapporto numerico docenti-alunne/i di una scuola), ma docente-alunne/i da seguire?

Gli interrogativi sarebbero ancora tanti, ma come prima volta, forse, può bastare per non correre il rischio di interpretare male le risposte.

Fo, 18 febbraio 2002

Claudia Fanti e alcune colleghe

 


Cookie per gli annunci di Google e norme sulla privacy

Google
 

funzioni strumentali