2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
2016                            

Torna alla home
home


C'era una volta il tempo pieno


Alcune brevi iniziali considerazioni...


Affettivo e cognitivo nella relazione educativa


Favoletta per sciopero


Funghi e Peter Pan


La qualità della scuola domani


Libri di testo e portfolio


Non giochiamo in difesa


Per un diversa struttura modulare


Rallentare la corsa


Sciopero unitario


Terremoto culturale


Un possibile modo di valutare


 

La scuola vista da Claudia Fanti

Nel 2004 vengono al pettine tutti i nodi delle Riforma. In particolare quelli che si scontrano con la buona storia della nostra scuola.

Il modello Bertagna- Moratti non regge al confronto con le migliori tradizioni pedagogiche e didattiche e non dà risposte credibili ed attese alle domande di innovazione.

In particolare non appare accettabile la tabula rasa che si vuol fare di esperienze come quella del tempo pieno il quale non attiene solo alla estensione temporale delle attività didattiche, ma è un modo di intendere e praticare la scuola.

La Fanti ne fa un tema di discussione centrale, accanto al tema dell'anticipo, della valutazione.

Il portfolio auspicato dalla Moratti è il modo peggiore di affrontare il problema di fondo della valutazione. La Fanti opta per la "valutazione formativa", componente interna delle relazioni didattiche, tutta centrata sugli alunni.

La correzione deve essere sempre più auto-correzione, la valutazione sempre più auto-valutazione.

Ancora la Fanti non manca di confrontarsi con le idee "esterne" (giornalisti, politici, sindacati ecc.) alla scuola e diversi suoi articoli sembrano un accorato appello agli insegnanti affinché alzino la testa con giusto orgoglio. Partire dal rispetto ed amore per la propria professione, elaborare una concezione condivisa della scuola. Una visione acuta, profonda, in cui convergano competenza, deontologia, cultura professionale, passione per il proprio lavoro.

Ancora e sempre innovazione e sperimentazione non fini a se stesse, ma orientate a tutte le bambine ed i bambini che spesso sono oggetto e cavie per alchimie ed ingegnerismi istituzionali, mentre hanno bisogno che si rallenti la corsa, i tempi si allunghino, sia curata la profondità e la significatività degli apprendimenti. La loro umanità.



 

 


Valutare alle elementari


Aria di valutazione Invalsi - obbligatoria per giunta!


Caro nonno ti scrivo....


Flessibilità


Indicatori di qualità del tempo pieno attuale


Lettera ad una professoressa. Punto


No all'anticipo


Pedagogia conversazionale


Persone di scuola


Professionisti affettivi. Attenti osservatori


Riflessioni a margine della quotidianità


Solitudini in cerca di firma
Un futuro di innovazione e sperimentazione

Un ringraziamento sentito


 

 


Cookie per gli annunci di Google e norme sulla privacy

Google
 

funzioni strumentali