2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
2016                            

Torna all'indice

Senso di realtà


La “nostra” scuola elementare


Despotismo sui malati


Valutare nel terzo millennio


Facciamo finta che...

 

Senso di realtà

Obama parla al mondo della catastrofe climatica e dà inizio all'era del darsi da fare entro breve per rimediare.
Ok, si sa che i GRANDI della Terra possono con le parole esorcizzare addirittura il senso del tempo che è passato inesorabilmente vuoto di contenuti e idee. Parlano, e i media si occupano delle loro parole, le ripetono fino a farle sembrare concrete, foriere di cambiamenti possibili. Potenza del potere dei GRANDI!

La realtà però sta lì inosservata, incapace di essere, di farsi verità. La guardiamo scorrere, mutare, trasformarsi. Per secoli l'essere umano ha la possibilità di guardarla in faccia, ma non la sa osservare, non la sa amare, non la sa gestire a suo favore, non la sa misurare col futuro possibile.

E' quella della catastrofe culturale che abbiamo sotto gli occhi, il nulla.
Lentamente le idee devastanti della conservazione della propria specie per mezzo di quella dei processi produttivi, economici, consumistici, divengono azioni di governo, azioni spaventate di irrigidimento, inflessibili politiche di rigore.

La disciplina esteriore, il risparmio della spesa sociale, la follia dei tagli nel pubblico, il considerare pericolose la solidarietà, l'accoglienza si fanno strada nelle menti per raggiungere il cuore, il profondo sentire dell'umanità, così inizia la morte della consapevolezza per dar vita alla nascita, prima in sordina e poi via via più esplicita, degli egoismi di razza, di religione, di cultura.

Il pubblico tutto, in particolare e drammaticamente la scuola, la fucina del pensiero critico, velocemente si schianta sul muro dell'indifferenza verso i valori di un vivere a contatto con la realtà dell'altro.

Gli adulti arraffoni, volgari, aggressivi, egotici, bugiardi, fortemente autoconservativi, prevaricatori, falsi, opportunisti, violenti, bestemmiatori, qualunquisti, ecc... presentano modello di sè alle nuove generazioni ovunque, ma, ovviamente, soprattutto dentro la scatoletta falsamente innocua del televisore.

Con una semplice pressione del dito ognuno può aprire il mondo, falso e bugiardo, melenso o atrocemente spietato, urlato o sussurrato, "sirenamente" accattivante, dell informazione-intrattenimento.

Un'ora, nella scatoletta, appaiano immaginette rassicuranti, un'altra squartamenti verbali o concreti, non importa: la mente ingloba l'argomentare villano e gli stupri della cronaca, ingloba le melliflue informazioni rassicuranti dei politici al potere, le tranquillizzanti parole di rinascita e impegno globale, e resta seduta in poltrona, amorfa, stanca, pigramente rassegnata o rasserenata.

La distruzione della scuola che i figli frequentano, degli ospedali che si frequentano, dei tribunali e degli uffici pubblici che si frequentano, del settore pubblico in generale, porta con sè la dipartita dell'idea confuciana di coniugazione di umanesimo e burocrazia per esaltare il privato a scapito del pubblico, così, senza colpo ferire, la rete dell'ultimo barlume di protezione, si smaglia.

Un tempo affermare di essere insegnante, medico, magistrato, impiegato dell' ufficio anagrafe... non era pericoloso, umiliante, foriero di maledizioni, ora è a rischio linciaggio, ma ciò sarebbe perfino sopportabile, se non si dovesse poi lavorare a contatto con gli utenti nei luoghi preposti e tuttavia resi infrequentabili e irrespirabili da politiche dissennate.

Non è catastrofismo a buon mercato: è realtà vissuta negli spazi angusti sia idealmente sia concretamente. D'altra parte qualcuno ben noto a coloro i quali si interessano della scatoletta continua a sostenere che politica di governo è chiudere la bocchetta dell'ossigeno al pubblico che in toto non lavora in favore del privato in toto che produce. I tagli, le ingiurie, le recriminazioni sono lì alla portata di chi vive e lavora (ops, non lavora!).

La follia è materia magica quando si dispiega nell'immaginario (ops, l'immaginario degli artisti fa orrore al potere!), diviene catastrofe quando si fa materia che distrugge l'immagine del lavoro al servizio del prossimo .

E così chi non produce beni consumabili e appetibili agli appetiti insaziabili degli istinti umani va ucciso togliendogli l'aria...

Bello, educativo, formidabile strategia di sopravvivenza delle politiche governative-economiche...

Foscolo, Leopardi, Manzoni e via via tutti i letterati, i poeti, i registi, gli attori, i cantanti, i musicisti, i pittori, gli scultori...diventano pericolosi, inutili predicatori di illusioni fuorvianti, distrazioni dall'unico bene riconosciuto: il produrre materia e materiali più o meno necessari al quotidiano vivere.

Invece il lavoro nel pubblico impiego si fa caserma: orari sincopati, spezzati, strategie di battaglia ai tagli, boccheggiamento, soffocamento...

claudia fanti
27 settembre 2009

 

 

Sognare l’impossibile...


Insegnante: do you remember?


Nel pollaio


10 in pagella d'assalto, bando all'ipocrisia...


Ma la testa dov'è?


Alice, 11 anni e poi più nulla

 

 


Cookie per gli annunci di Google e norme sulla privacy

Google
 

funzioni strumentali