2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
2016                            

Lettera a un collega su un possibile modo di valutare


Torna alla home
home


C'era una volta il tempo pieno


Alcune brevi iniziali considerazioni...


Affettivo e cognitivo nella relazione educativa


Favoletta per sciopero


Funghi e Peter Pan


La qualità della scuola domani


Libri di testo e portfolio


Non giochiamo in difesa


Per un diversa struttura modulare


Rallentare la corsa


Sciopero unitario


Terremoto culturale


Un possibile modo di valutare


 

A Bencio, che ringrazio molto per l'attenzione, in questo spazio, posso dire che abbiamo seguito un sistema basato sull'osservazione dei bambini e delle bambine in situazione di lavoro per coppie di lavoro reciproco e poi anche individuale, appuntandoci in ogni momento, note (sono finite in uno spazio del registro dell'insegnante al posto dei giudizi schematici: ripeto che avevamo chiesto la delibera del collegio) su ciò che "vedevamo" nelle loro reazioni alle difficoltà incontrate sia nella relazione coi compagni, sia negli apprendimenti, ma con l'intento di rilevare i punti forti di ognuno. All'inizio fu difficoltoso per alcune di noi, perché istintivamente si puntava l'attenzione su ciò che non andava e si faticava a scoprire le positività, poi la percezione si é letteralmente ribaltata: ci si accorse che la lista dei punti forti si allungava. Su questi, cominciammo a lavorare per far leva su di essi, quando approntavamo percorsi didattici al fine di rimuovere le difficoltà. I punti deboli venivano anch'essi rilevati, e nei colloqui coi genitori, esplicitati in modo schematico e chiaro senza commenti fuorvianti, assieme ai numerosi forti scoperti. Il clima educativo e didattico divenne sempre più disteso. Nei quaderni e negli elaborati di qualunque tipo, non risultavano mai giudizi, invece oralmente, coi bambini e le bambine, lo sforzo costante era quello di mettersi in conversazione per capire quali fossero le loro percezioni in relazione a un lavoro svolto più o meno bene. Essi furono stimolati a raccontarsi e a raccontare le loro impressioni, sensazioni, difficoltà incontrate, ostacoli superati riflettendo rigorosamente insieme sui percorsi mentali che li avevano portati all'errore: l' "errore", così, viene vissuto come fonte di ricerche successive, di approfondimento insieme con i pari in altri lavori di coppia di aiuto reciproco (su tale attività bisognerebbe aprire un discorso di tipo metodologico molto entusiasmante, se sei interessata, ti potrei mandare del materiale concreto su alcune piccole e utili attività, fammi sapere). I successi, anche minimi, venivano valorizzati in diversi modi: o con l'esposizione in cartelloni, o con la "conferenza" ai compagni sul percorso seguito per giungere a un risultato o in altri modi che li rendessero consapevoli della loro "fatica" che era risultata vincente. Alla fine dell'anno, la scheda di valutazione riportava note su punti forti e deboli ancora da affrontare: era una scheda elaborata e scritta da noi, alternativa alla ministeriale, ma ora, come ti ho detto, non so se potremo continuare.

Scusa l'esposizione sommaria, ma se vuoi, scrivimi.

Alcuni bei libri da leggere in modo sereno e rilassato, per la loro assoluta vicinanza a tale modo di procedere, sono quelli di Paolo Perticari, quelli di De La Granderie, Marianella Sclavi e molti altri poco citati in giro.

Claudia Fanti

28 marzo 2004

 


Valutare alle elementari


Aria di valutazione Invalsi - obbligatoria per giunta!


Caro nonno ti scrivo....


Flessibilità


Indicatori di qualità del tempo pieno attuale


Lettera ad una professoressa. Punto


No all'anticipo


Pedagogia conversazionale


Persone di scuola


Professionisti affettivi. Attenti osservatori


Riflessioni a margine della quotidianità


Solitudini in cerca di firma
Un futuro di innovazione e sperimentazione

Un ringraziamento sentito


 

 


Cookie per gli annunci di Google e norme sulla privacy

Google
 

funzioni strumentali